Impianti DIC



Il processo DIC necessita di particolari strutture impiantistiche per essere applicato, sia ai fini della essiccazione/testurizzazione che a quelli della debatterizzazione.

L'impianto DIC standard prevede i seguenti componenti principali:

  • una camera di trattamento detta anche reattore equipaggiata con sistemi per l'applicazione del processo di condizionamento del prodotto;
  • una riserva di vuoto, con un volume nettamente superiore a quello della camera di trattamento, dotata di sistemi per la creazione del livello di depressione necessario al suo interno.

Questi due componenti sono connessi fra loro da una valvola ad apertura rapida che permette la decompressione istantanea del prodotto.

L'impianto standard deve essere ovviamente completato da sistemi per il carico/scarico della camera di trattamento, da sistemi di comando e controllo, sistemi di sicurezza, etc.

Sono stati sviluppati vari tipi di reattore per far fronte alle esigenze dei vari prodotti trattabili con il processo DIC, come ad esempio:

  • reattori statici adatti al trattamento discontinuo di prodotti fragili;
  • reattori dinamici per il trattamento continuo di prodotti resistenti;
  • reattori autobloccanti per il trattamento semi-continuo di prodotti fragili o voluminosi;
  • reattori ciclici per il trattamento di prodotti termolabili.

Questi reattori sono disponibili in taglie adatte a qualsiasi esigenza produttiva e sono facilmente integrabili in linee di lavorazione già esistenti (es. in linee di essiccazione ad aria calda) o possono essere forniti completi di linea di essiccazione o debatterizzazione progettata ad hoc.